SGP srl - Via Adelaide Bono Cairoli 30, 20127 Milano Copyright © 2019 SGP srl - All Rights Reserved | Design by IDEABILE

RIFIORIRE PARTENDO DA TE

RIFIORIRE PARTENDO DA TE SGProgram by selene genisella

In questi giorni ammetto che mi capita spesso di pensare alla mia isola.
Sono trascorse solo un paio di settimane eppure ora mi sembra tutto così diverso. Sono passata da leggere, lavorare ed allenarmi sulla spiaggia a stare chiusa in casa a Milano quasi tutto il giorno.
Dopo la mia operazione per me è davvero cambiato tutto. Non intendo soltanto aver cambiato città e paese. Le mie giornate si sono davvero ridimensionate.

Ora non mi posso allenare, non posso cucinare in totale autonomia, non posso guidare e nemmeno fare tutti quei normali movimenti come alzare le braccia fin sopra la mia testa.
Come se non bastasse ho anche avuto la sensazione di aver perso per un po’ la mia stabilità con l’alimentazione. Ancora una volta mi rendo conto di quanto tutto sia correlato.

Appena viene a mancare quello che è il nostro equilibrio, fatto di tutte quelle abitudini che per noi sono positive, iniziamo a perdere il controllo delle nostre azioni ed anche di noi stesse. Quando non riusciamo a fare ciò che ci fa stare bene, tutto diventa più pesante e le nostre giornate iniziano a peggiorare. Diventiamo più scontrose anche con chi ci circonda, allontaniamo le persone e ci chiudiamo.
Si attiva una sorta di reazione a catena negativa e tutte quelle che sono sempre state le nostre certezze sino a quel momento, rischiano di sgretolarsi.

Mi sono sentita ancor più simile a tutte le ragazze che mi scrivono dicendomi di essere in difficoltà, proprio perché io per prima sto vivendo la medesima situazione.
Come vi dico spesso non siamo poi così diverse noi donne ed ogni tanto cado anche io.
Non si può essere sempre forti, tanto meno invincibili.
Io però non mi arrendo. So che così come si è perso, il nostro equilibrio può essere ristabilito. Ed è nostro il dovere di ricercarlo se davvero vogliamo vivere con energia e positività le nostre giornate. Se vogliamo amarci, se vogliamo essere persone che danno energia e che non la tolgono, dobbiamo risettarci.

Abbandoniamo le lamentele e ricordiamoci che si può sempre ritrovare la propria armonia interiore nonostante un cambio di città, di lavoro e di circostanze.
Nonostante tutto sembri non andare per il verso giusto, abbiamo sempre la possibilità di portare la luce dentro di noi.
Possiamo sempre rimetterci in gioco.
Possiamo sempre rifiorire.
Io credo in questo e non smetterò mai di farlo.

 

Io oggi mi trovo a ripartire da zero, a voltare pagina ed a costruirmi una nuova routine.
Come mi sto organizzando? Cosa sto facendo per rifiorire?
Sto imparando e mi sto ascoltando.
Penso che continuare a capire cosa funziona per noi e cosa ci fa star bene sia fondamentale. Mi sto sforzando di capire effettivamente quali siano le cose che in questo momento ed in questa circostanza mi possono aiutare a crearmi delle nuove abitudini positive.
Parlo proprio di “sforzo” perché questo è una componente indispensabile per poter apportare un cambiamento e per toglierci da una situazione abitudinaria. Non possiamo pretendere che le cose avvengano sempre con naturalezza. È del tutto normale percepire delle resistenze iniziali e di conseguenza dovremo essere disposte ad impegnarci di più. Se sappiamo che quel determinato comportamento ci farà stare bene saremo in grado di affrontare anche quello sforzo.

 

Nonostante io ami comunicare ed esprimermi, ad oggi quello che ho imparato è che io funziono bene quando inizio la giornata partendo da me stessa. Per me questo si può tradurre in due azioni: camminare e meditare.
Al mattino mi piace alzarmi ed uscire a fare una passeggiata all’aria aperta, mentre tutti ancora dormono. Attivo il mio corpo con delicatezza e senza fretta. Poi al mio rientro a casa accendo una candela e creo la giusta atmosfera per dedicarmi ad un risveglio consapevole. Ho capito che bastano anche pochi minuti per prendere coscienza, per riflettere ed osservare in che stato d’animo mi trovo, per comprendere quali sono le mie sensazioni, priorità e necessità. La meditazione mi permette di entrare in contatto con me stessa e fare ordine dentro di me. In quel momento ci sono solo io, senza dover rendere conto ad altre persone e senza distrazioni.
La sera invece per qualche minuto mi auto analizzo e valuto effettivamente cosa ha funzionato e cosa no. Mi pongo delle semplici domande: “Mi ha fatto bene mangiare a quell’ora? Mi ha fatto bene lavorare per così tanto tempo? Mi ha fatto bene rimanere sempre in questa stanza?” ed in base ai miei feedback apporto delle modifiche alla mia giornata successiva.

 

RIFIORIRE
Quando penso ad momento nella mia vita in cui mi sono sentita davvero bene, mi vengono in mente alcuni ricordi sparsi qua e là nella mia testa. In tutti i casi si tratta di piccoli attimi o addirittura istanti in cui mi sentivo piena di energia e felicità.
Seconde me rifiorire è partire proprio da quei momenti, analizzarli e capire che cosa avevamo fatto per sentirci così bene. Forse avremo bisogno di tempo, ma qualsiasi sia la situazione che stiamo vivendo dobbiamo ricordarci che tutto è momentaneo, niente è per sempre.
Noi siamo già dei bellissimi fiori, ma come loro a volte appassiamo, perdendo di vista tutte quelle cose che sono davvero importanti per noi. Però arriverà la primavera, che lascerà alle spalle il gelido inverno.
Rifiorire è ritrovarsi ed allora è necessario ripartire proprio dalle nostre basi, scavare dentro di noi e comprendere i nostri bisogni.

Che cosa significa per te stare bene?
Cosa stai facendo per far si che questo avvenga?
Cosa ti sta limitando?
Dove ti stai perdendo?

 

CONOSCERE NOI STESSE
Se anche tu vuoi tornare a splendere, inizia a fare chiarezza.
Dobbiamo sapere chi siamo, cosa vogliamo e come vogliamo vivere le nostre giornate, ma senza rimanere ferme in quelle risposte che ci eravamo date uno, due o tre anni fa. Siamo sempre in continua evoluzione e per conoscere noi stesse dobbiamo continuare a metterci in discussione, domandarci se quello che stiamo facendo oggi è in linea con quello che vogliamo diventare. In fondo non si smette mai di imparare, di migliorare.

Quando non siamo consapevoli di chi siamo e di cosa vogliamo, non abbiamo le idee chiare e così finiamo per farci trascinare dagli eventi e dalle persone.
Fare chiarezza ci aiuta a raggiungere i nostri obiettivi, ci permette di pianificare ed evitare di essere succubi degli altri. Siamo noi a dover definire quello che vogliamo, perché la chiarezza è potere.

 

RICONOSCERE I NOSTRI VERI BISOGNI
È un tuo bisogno oppure è un bisogno dettato dalla società?
Per conoscerti davvero devi sapere quali sono i tuoi reali bisogni, indipendentemente dalla cultura, dalle persone che ti circondano o dalle circostanze in cui ti trovi.
Non riempirti di oggetti, vestiti costosi, accessori alla moda, impegni, persone o appuntamenti solo per sentirti in linea con le altre persone o per paura di essere diversa. Inizia a togliere anziché aggiungere, inizia a guardarti dentro e fare pulizia.
Per vivere in armonia con noi stesse dobbiamo soddisfare quelli che sono i nostri personali interessi. Insegui tutto ciò che ti rende energica, e lascia stare tutto quello che ti spegne o non ti stimola.
Fai solo ciò che ti fa stare bene e che ti fa sentire viva, il resto non serve.
Dobbiamo difendere i nostri bisogni e preservarli, sempre.

Una volta che hai riconosciuto quali sono i tuoi veri bisogni abbi la forza di difenderli dagli altri, ma anche da te stessa. A volte siamo proprio noi le prime a tentare di reprimerli, proprio perché abbiamo paura di essere sbagliate o giudicate. Non devi sentirti in colpa o avere timore perché solo tu sai quanta sofferenza c’è dietro alla mancata soddisfazione delle tue esigenze.

Combatti per i tuoi bisogni, difendili dai pregiudizi e ricorda che nessuno ha il diritto di dirti cosa è giusto o sbagliato per te.
Non dare agli altri il potere di farti influenzare.

 

Quando percepisci dentro di te una vera necessità, questa farà di tutto per farti capire che devi batterti per lei. Ti farà stare male se non la soddisfi o se la opprimi. Se il giudizio altrui riesce a fermarti a farti è solo perché probabilmente quel tuo bisogno non era poi così importante.
Non aver paura delle ripercussioni perché ci sarà sempre un prezzo da pagare per ogni nostra decisione. Nonostante le conseguenze delle tue scelte ricorda che tu hai deciso di appagare le tue esigenze, hai deciso di metterti in gioco.
Possiamo sempre scegliere se stare dalla parte di chi fa, di chi investe su se stessa o di chi lascia fare le cose al caso.
Preservati . Se tu hai capito quali sono le cose che ti fanno stare bene, portale avanti e difendile contro tutti e contro tutto.
Noi siamo i nostri stessi bisogni.