fbpx
SGP srl - Via Adelaide Bono Cairoli 30, 20127 Milano Copyright © 2019 SGP srl - All Rights Reserved | Design by IDEABILE

LA GRATITUDINE DELLE PICCOLE COSE

“Più sono grata, più bellezza vedo”

Ieri ho condiviso questa frase che mi è arrivata dal cuore, di quelle che ti fanno sorridere e piangere allo stesso tempo. Passiamo le nostre giornate a dire che dovremmo essere grati ogni giorno, ma quanto spesso riusciamo a farlo? Oggi per me è quello che mi piace chiamare FRESH RESTART: voglio impegnarmi su questo fronte e coltivare uno dei sentimenti più belli al mondo: la gratitudine. Essere grati per me significa osservare il mio presente, accoglierne le mille sfaccettature ed esplodere di gioia per ciò che ho.

In queste righe, nelle mie dirette e sui miei social condivido con voi moltissimo di me, perchè sento che siete ormai parte integrante della mia vita . All’inizio, lo ammetto, nonostante fossi io la prima ad espormi, faticavo a comprendere le domande scomode che volevano sapere sempre di più: c’è questo filo sottile tra ciò che si mostra e ciò che invece si tiene per sè, ma spesso non è chiaro a molti. Eppure ho comunque accettato tutto questo, perchè volente o nolente, è parte del gioco.

Negli ultimi mesi ho corso veloce, velocissimo, prendendo strade mai incontrate prima, rendendomi fiera di molte cose, ma portandomi a tralasciarne molte altre. Non posso dire di essermi trascurata o di essermi persa, ma molti pensieri mi hanno tolto un po’ di serenità, portandomi ad un risparmio energetico che mi è servito per metabolizzare ciò che stava arrivando: il momento in cui ho dovuto prendere una decisione forte.

Quando perdi l’equilibrio dopo uno scossone hai poche alternative da scegliere: lasciarti cadere o reagire a modo tuo al cambiamento. Io ora sento la necessità di essere “più presente” con me stessa e di investire più energia nelle cose che attualmente hanno per me la priorità: voglio comunicare sempre di più  nella mia community, voglio essere più ligia alla mia routine e ai miei orari. Non cambierà tutto da oggi: farò un passo alla volta. 

Nonostante i normalissimi sbalzi umorali, sono entusiasta dell’attitudine che sto mostrando in questo momento di maggior fragilità: qualche anno fa sarei caduta lamentandomi con tutta me stessa di quanto il mondo ce l’avesse con me. Eppure io sono grata di ogni momento passato perchè mi ha portato alla consapevolezza che ho ora. Infatti, ci sono momenti della vita dove la vita stessa ti mette alla prova e spesso lo fa con una cattiveria inaudita. Ognuna di noi affronta le proprie personali battaglie, ed una cosa che ho imparato nel mio lavoro, avendo a che fare con moltissime donne, è di dimenticarsi ogni paragone, perchè la vita e i bagagli che riempie ad ognuna di noi sono davvero diversissimi. Non esiste un peso per il dolore: un amore finito, una sconfitta sul lavoro, un litigio, un lutto, un bimbo mai nato. Tutto è proporzionato alla nostra percezione del dolore, ma soprattutto, non lo ripeterò mai abbastanza: ognuno ha il suo personalissimo modo di reagire a questo e nessuno potrà permettersi mai di giudicarlo. 

In queste ultime due settimane a Las Palmas ho vissuto delle emozioni fortissime, sia in positivo che in negativo: sono tornata a riflettere su molti aspetti del mio quotidiano che mi hanno spinta a farmi trasportare dalla curiosità. In tutto questo ricercare, ovviamente le mie abitudini sono venute meno, mettendo dieta e allenamento in secondo piano, ma avevo bisogno di ascoltarmi. In questo contesto mi sono resa conto che ciò che fa davvero la differenza è l’attitudine che si adotta in questi casi: non bisogna prendersela con se stesse se non si riesce ad essere così precise e ligie ai propri propositi ed impegni, ma che è bene ascoltarsi davvero.

Troppe volte rimaniamo ancorate a qualcosa o qualcuno per il semplice fatto che “è sempre stato così”. Non sempre una cosa fa male, ma ci sono situazioni che possono non funzionare più. Sebbene in questi momenti non è facile fare il primo passo, è importante lavorarci perchè, rimanere bloccati, non potrà che peggiorare la situazione. Rimanere ferme in una situazione che non ci fa stare bene può essere totalmente deleterio: spesso non sappiamo come andranno le cose, ma bisogna avere il coraggio di spostarsi da dove si è.

Anche in questo non vi sono regole, ma solo un profondo ascolto di se stesse. C’è chi ha bisogno di stravolgere tutto e fuggire, chi invece procede con cautela. Io per esempio in questo periodo ho la necessità di sentirmi più libera: mi alleno, mangio il giusto, ma spesso vado a letto tardi per chiacchierare con chi mi fa sentire coinvolta, o per continuare a leggere un libro che mi sta prendendo. Ho così deciso di non puntare più la sveglia, e credetemi che per me è vera follia, così abituata a darmi degli orari.

Da queste personalissime riflessioni ho creato 10 punti che ho ripetuto a me stessa e che vorrei faceste anche voi:

  1. Diamoci una pacca sulla spalla per quanto siamo forti.
  2. Non paragoniamoci agli altri perché gli altri non hanno dovuto affrontare quello che abbiamo affrontato noi. Quando gli altri si troveranno in una situazione come la nostra avranno il loro personale modo di reagire, ma bisogna rispettarlo. Amiamoci e non giudichiamoci. Non continuiamo  a puntare il dito contro noi stesse.
  3. Se gli altri non capiscono il nostro stato d’animo perché, non solo siamo tristi per quanto stiamo affrontando, ma anche per come lo stiamo affrontando… beh FREGHIAMOCENE. Gli altri non devono capire per forza e noi non dobbiamo dare spiegazioni a nessuno. Insomma non sprechiamo energie inutili per spiegare a chi ci sta intorno come ci sentiamo, arriverà il momento in cui saremo noi a volerlo fare.
  4. Dobbiamo essere le nostre stesse sostenitrici: non cerchiamo solo il sostegno dagli altri.
  5. Se per un certo periodo di tempo non siamo in grado di investire energie in qualcosa a cui teniamo perché il focus è su altro, prendiamone atto, cercando di capire i motivi per cui non riusciamo a svolgere alcune attività, ma cerchiamo di tornare a quelle abitudini poco a poco.
  6. Non preoccupiamoci se infrangiamo le regole che ci siamo autoimposte: non rispettare le regole a volte ci fa comprendere moltissimo di noi.
  7. Siamo gentili con gli altri nonostante tutto.
  8. Continuiamo a ricercare l’energia, la curiosità e l’entusiasmo.
  9. Cerchiamo di sgombrare i pensieri negativi: fate di questo malessere un’opportunità per imparare a conoscervi e miglioravi, costruendo nel migliore dei modi uno step successivo.
  10. Non dimentichiamoci mai di ascoltarci e di essere amiche di noi stesse.

E così oggi vorrei ripartire dalla gratitudine: bisogna veramente fermarsi di più e trovare il tempo per farlo ed essere grati di quello che si ha perché è tutto frutto del nostro impegno.