fbpx
SGP srl - Via Adelaide Bono Cairoli 30, 20127 Milano Copyright © 2019 SGP srl - All Rights Reserved | Design by IDEABILE

SGPbooks – La felicità sul comodino di Alberto Simone

SGPbooks - La felicità sul comodino di Alberto Simone

Tra le domande più frequenti che arrivano a Selene e che esulano da allenamento e dieta, troviamo quelle sui libri che legge e che la nostra coach ama condividere nelle sue stories su Instagram. Che sia un piccolo estratto, che l’ha colpita particolarmente, una poesia o una frase emozionante, spesso ci ritroviamo tutte a chiederci “WOW, che libro è?”.
Così abbiamo deciso di dedicare una rubrica sui libri che Selene legge durante le sue giornate.

Iniziamo con un libro che si legge davvero in un pomeriggio, semplice, ma al tempo stesso in grado di lasciarci domande e spunti di riflessione che si sposano molto con la filosofia di SGProgram. Il titolo e la sua intro hanno incuriosito molto Selly ed è per questo che ha deciso di inserirlo come primo consiglio letterario.

La felicità sul comodino” di Alberto Simone.

 

Chi non desidera essere felice? Chi non vuole che le persone che ama lo siano altrettanto? Chi non ha conosciuto almeno una volta nella vita anche un solo istante di felicità, magari, poi, passando gli anni coltivandone il ricordo e la nostalgia?

 

Perché la felicità appare, ci seduce, ci stordisce e poi se ne va. Per questo cerchiamo di afferrarla, scattando fotografie e girando filmini in ogni circostanza festosa, per condividere tutto con amici, parenti e persone a noi vicine. Questa è una felicità transitoria, sulla quale non abbiamo molte possibilità di controllo. Così rara, a volte, da farci pensare che sia solo una chimera, un intervallo più o meno lungo tra due momenti di non felicità.

 

In queste pagine, invece, parleremo di una felicità possibile e duratura. Una condizione di maggiore libertà e stabilità emozionale, di pace interiore e di compenetrazione totale con l’universo al quale apparteniamo. E lo faremo esplorando insieme quei meccanismi invisibili e spesso subdoli con i quali siamo proprio noi, e nessun altro, a renderci le cose difficili, allontanandoci da una condizione naturale che è quella di saper godere e gioire di tutto ciò che riempie e rende unica la nostra vita.